La Classe

Badjan Ebrima

Mi chiamo Ebrima Badjan e ho 19 anni. Il mio paese è il Gambia. Sono arrivato in Italia il 2 marzo 2017. Mi piace molto giocare a calcio: gioco nella squadra di Villa Pallavicini. Mi piace anche andare in centro con i miei amici. Vorrei fare l’idraulico. Ho partecipato al progetto per studiare l’italiano, riuscire a capirlo bene e per conoscere ragazzi italiani.  Mi è piaciuto perché ho conosciuto tanti ragazzi italiani. Bellissimi anche i professori. Mi sono piaciute le materie.  Per la prima volta ho usato il microscopio. E’olto interessante: vedere le cose si vedono molto diverse. Prima non lo sapevo.

Bature Ezra

Mi chiamo Ezra Bature e ho 19 anni. Il mio paese è la Nigeria. Sono arrivato in Italia il 28 maggio 2017 insieme a mia moglie Precidus. Qui a Bologna è nata la nostra bambina Emmanuelle che adesso ha 9 mesi. In Nigeria ho frequentato solo pochi anni della Secondary School. Mi piacerebbe fare il Pop designs. Ora sto frequentando un corso di italiano e un laboratorio di falegnameria. Ho partecipato al progetto per capire e parlare bene l’italiano. Mi è piaciuto il lavoro di gruppo e vedere le cose al microscopio, che non conoscevo.

Di Silvestro Irene

Mi chiamo Irene  Di  Silvestro e ho 17 anni. Ho frequentato la classe 3L del Liceo Scientifico "E. Fermi" di Bologna. Sono appassionata di musica e di filosofia, mi piace moltissimo leggere, guardare film e trascorrere del tempo con i miei amici. Ho scelto questo progetto perché mi interessa conoscere altri modelli culturali, diversi dal mio. In questo progetto, inoltre, era previsto di dare un aiuto ai ragazzi richiedenti asilo e a me piace molto aiutare gli altri. Ora posso dire che è stata un'esperienza coinvolgente ed emozionante. Ho sentito raccontare dal vivo le storie dei ragazzi, tristi e avventurose, quelle storie che in genere si sentono in TV, ma conoscere direttamente i protagonisti è tutta un'altra cosa.

Diaby Mamadou

Mi chiamo Mamadou Diaby e ho 18 anni. Il mio paese è la Guinea. Sono arrivato in Italia il 12 dicembre 2016. Mi piace correre: corro gli 800 metri al circuito del centro sportivo Bauman. Mi piacerebbe fare il meccanico. Ho partecipato a questo progetto per capire la lingua italiana. Mi è piaciuto perché ho conosciuto amici italiani.

Drammeh Bajimmeh

Mi chiamo Drammeh Bajimmeh e ho 19 anni. Il mio paese è il Gambia. Sono arrivato in Italia il 7 novembre 2016. Sono appassionato di atletica e infatti corro. Sono iscritto ad una squadra di atletica di Bologna. Ho partecipato a questo progetto perché mi piace imparare tante cose e soprattutto l’italiano. Mi è piaciuto perché ho imparato molte parole italiane e ho conosciuto amici italiani.

Emiro Enrico

Mi chiamo Emiro Enrico e ho 18 anni. Ho frequentato la classe 3N del Liceo Scientifico “E.Fermi” di Bologna. Sono appassionato di moto. Ho scelto questo progetto perché mi piace applicarmi nel campo sociale e ora posso dire che ho capito l'importanza di aiutare persone più in difficoltà rispetto a noi. Inoltre faccio parte della redazione con il compito di montare il video finale del progetto.

Esposito Barbara

Mi chiamo Barbara Esposito e ho 16 anni. Ho frequentato la classe 3L del Liceo Scientifico “E. Fermi” di Bologna. Una delle mie più grandi passioni è scrivere. La stessa delizia e potenza che si prova scrivendo le prime parole di una storia, che aprono le porte su uno scenario nuovo e ombrato da un’affascinante nebbia, la stessa nuvola indefinita di possibilità, caratterizza il confronto e il dialogo, e sono queste le ragioni che mi hanno spinto a scegliere questo progetto. Solo ora, infatti, posso dire  che se c’è un libro che vuoi leggere, ma non è stato ancora scritto, allora devi scriverlo. Allo stesso modo, se ci sono ancora muri da oltrepassare, tocca a noi andare “Al di là”!

Fogue Djuigne Flavia Alison

Mi chiamo Flavia Alison e ho 17 anni. Ho frequentato la classe 4D del Liceo Scientifico “E.Fermi” di Bologna. Una delle mie passioni più grandi  è viaggiare e scoprire nuove culture e abitudini. Ho scelto questo progetto perché m'interessava proiettarmi nel mondo di questi ragazzi, nostri coetanei ma che non hanno avuto le nostre stesse possibilità.  Ora posso dire di essere parzialmente soddisfatta di questo progetto, l'ho ritenuto molto educativo poiché abbiamo avuto il modo di scoprire aspetti di altri paesi che prima non conoscevo, ma avrei preferito dedicare più tempo alle loro esperienze personali, conoscere il perché di una decisione così drastica e anche pericolosa, quella del lasciare il proprio paese. Il mio gruppo è riuscito in questo intento solamente in un occasione parlando con  Adama, che ci ha raccontato in parte il suo viaggio.   

Franco Thomas

Mi chiamo Thomas Franco e ho 17 anni. Ho frequentato la classe 3N  del Liceo Scientifico “E. Fermi” di Bologna. La mia passione è l'arrampicata. Ho scelto questo progetto perché avevo il desiderio di confrontarmi con dei ragazzi immigrati in Italia e di capire meglio il fenomeno migratorio, direttamente, al di fuori  da tutte le strumentalizzazioni a cui oggi è soggetto.

Ianniciello Giorgio

Mi chiamo Giorgio Maria Ianniciello ho 16 anni e sto frequentando la classe 3B del Liceo scientifico statale Enrico Fermi. Adoro giocare a tennis e leggere.
Ho scelto questo progetto perché me l'avevano proposto degli amici e, al sol pensare di poter scambiare idee e pensieri con persone di cultura e provenienza diversa, ho subito pensato fosse un progetto perfetto per me.
Ora, alla sua conclusione, posso dire che le mie aspettative sono state ampiamente soddisfatte: ho avuto la possibilità di avere un confronto con persone di cultura diversa e questo mi rende molto orgoglioso.

Jishun Zhou (Giulio)

Mi chiamo JiShun Zhou (oppure Giulio) e ho 18 anni. Ho frequentato la classe 5F del Liceo Scientifico ''E. Fermi'' di Bologna. Sono appassionato di sport, in particolare del calcio. Mi piace guardare le serie e le gare di moto. Ho scelto questo progetto perché ero interessato a conoscere di persona i ragazzi richiedenti asilo di cui spesso si sente parlare in televisione e sui giornali e ora posso dire di avere un giudizio più ampio e non superficiale riguardo alla loro cultura, alle loro usanze e alle loro persone.
La foto mi ritrae mentre faccio il turista. Mi piace molto visitare nuovi posti.

Kasse Adama

Mi chiamo Adama Kasse e ho 19 anni. Il mio paese è il Senegal. Sono arrivato in Italia il 25 febbraio 2017. Mi piace fare sport, suonare la musica, leggere, andare al cinema, conoscere persone nuove, imparare cose nuove. Ho partecipato a questo progetto perché ho pensato che può aiutarmi a integrarmi di più, a conoscere delle nuove persone diverse da me, nuove regole e anche insegnare agli altri la mia cultura. Mi è piaciuto perché ho imparato delle cose interessanti, ho conosciuto dei carissimi ragazzi, senza dimenticare i professori: ho condiviso anche con loro un po’ della mia cultura.

Lasi Francesca

Mi chiamo Francesca Lasi e ho 18 anni. Ho frequentato la classe 5I del Liceo Scientifico “E. Fermi” di Bologna. Sono appassionata di teatro. Ho scelto questo progetto perché tre anni fa avevo intrapreso con la mia classe un progetto di sostegno a distanza di una bambina in Africa e questo mi ha  avvicinato molto alla situazione africana ed, in particolare, ai problemi dell’immigrazione.
Ora posso dire di essere soddisfatta del risultato finale, nonostante inizialmente non sapessi bene cosa aspettarmi. Il progetto è riuscito infatti ad affrontare l'argomento principale da diversi punti di vista grazie allo studio di tre diverse materie (italiano, storia e scienze) e, soprattutto sono riuscita a raggiungere il mio obiettivo iniziale, ovvero confrontare ciò che ci viene raccontato tramite i mass media e ciò che è effettivamente la realtà.

Maneri Emiliano

Mi chiamo Emiliano Maneri, ho 17 anni ed ho frequentato la classe 3L del Liceo Scientifico “E. Fermi” di Bologna. Sono molto interessato alla fisica e alle scienze in generale, alla musica, all'arte e alla scrittura. Ho scelto di partecipare a questo progetto perché ho molto a cuore le tematiche umanitarie e penso che non ci sia bisogno di una motivazione per aiutare, per quel poco di cui siamo in grado, chi ne ha bisogno. Quest'esperienza ha allargato i miei orizzonti, mi ha permesso di conoscere nuove persone e nuove culture e di ciò sono profondamente grato. 

Merighi Daniele

Mi chiamo Daniele e ho 16 anni. Quest' anno ho frequentato la  classe 3N del Liceo Scientifico "E. Fermi" di Bologna. Mi piace giocare a calcio. Ho scelto questo progetto per fare nuove esperienze e mettermi in gioco e ora posso dire di essere soddisfatto e contento della mia scelta

 

Palma Michele

Mi chiamo Michele Palma e ho 17 anni. Ho frequentato la classe 3B del liceo scientifico “E. Fermi”. Nel tempo libero mi piace uscire con i miei amici per fare delle chiacchiere e stare in compagnia. Ho anche una passione per la storia e per i viaggi. Ho deciso di partecipare a questo progetto perché mi interessava avere l'opportunità di incontrare ragazzi della mia età provenienti dall’Africa, ma anche  cercavo il modo per dare una mano, nel mio piccolo, a rendere migliore l'accoglienza per i migranti partiti dalle coste africane. Questo progetto mi ha dato la possibilità di  fare entrambe le cose, arricchendomi di un nuovo bagaglio culturale e di nuove esperienze.

Pozzati Francesca

Mi chiamo Francesca Pozzati e ho diciassette anni. Ho frequentato la classe 3N del Liceo Scientifico “E. Fermi” di Bologna. Sono appassionata di danza e di tutto ciò che abbia come funzione principale l'espressione di qualcosa che a parole risulterebbe banale o scontato, come può essere la musica o l'arte.
Ho scelto questo progetto perché ho pensato che fosse una bella opportunità per entrare in contatto con una realtà di cui si parla molto spesso ma che nessuno conosce veramente: l'immigrazione. Già prima di iniziare il progetto avevo una mia opinione al riguardo, ovvero che sia un fenomeno inevitabile e naturale, perché storico e  ci ha permesso di essere come siamo oggi. Durante il progetto mi accorgevo giorno per giorno di quante cose fossero diverse nelle usanze e nella cultura, ma allo stesso tempo mi accorgevo che di fatto non eravamo poi così diversi. Infatti ora che il progetto si è concluso, posso affermare che gli esseri umani in ogni parte nel mondo divergono nella cultura, e quindi nella forma, ma non nel contenuto.

Querzola Nicolò

Mi chiamo Niccolò Querzola e ho 19 anni. Ho frequentato la classe 4 I del Liceo Scientifico "E.Fermi" di Bologna. Mi piace viaggiare, conoscere luoghi che hanno usi e tradizioni diversi dalla nostra e uscire con gli amici. Ho scelto questo progetto perché interessato a conoscere più da vicino il tema dell'immigrazione, ma in particolare per incontrare e parlare con dei ragazzi che hanno compiuto questo viaggio. Ora posso dire che il dialogo e il confronto avvenuti con i ragazzi migranti mi hanno permesso di abbattere i pregiudizi che avevo e mi hanno fatto maturare.
Nella fotografia sono il ragazzo a destra. 

Ruzzu Giovanni

Mi chiamo Giovanni Ruzzu e ho 16 anni. Ho frequentato la 3 N del Liceo Scientifico “E.Fermi” di Bologna. Mi piace il baseball. Ho scelto questo progetto perché mi interessava l'idea di aiutare altre persone e ora posso dire  che sicuramente non ha deluso le mie aspettative. Mi è piaciuto molto per le nuove amicizie che si sono create con molti ragazzi della classe. 

Sacko Mohamed

Mi chiamo Mohamed Sacko, Kapi per gli amici. Ho 21 anni. Il mio paese è la Guinea. Sono arrivato in Italia nel febbraio del 2017. Mi piace lavorare al computer, fare la guida turistica, fare teatro, ballare, stare con gli amici, studiare. Ho partecipato al progetto perché mi voglio integrare di più, voglio imparare cose nuove. Mi è piaciuto perché ho conosciuto la storia d’Italia, come usare il microscopio, cose nuove di scienze e di agricoltura biologica.

Stefanini Filippo

Mi chiamo Filippo e ho 16 anni. Ho frequentato la classe 3N del Liceo Scientifico “E.Fermi” di Bologna. Sono appassionato di fotografia ed è per questo che ho realizzato tutte le foto di questo progetto. Ho scelto questo progetto perché volevo avere un’idea chiara e trasparente della vita dei migranti nel loro e nel nostro paese. Volevo capire, ascoltando una testimonianza sincera e chiara del trascorso di queste persone che hanno attraversato il mare e il deserto in cerca di una vita migliore. E ora posso dire di aver capito i grandi sforzi e i grandi sacrifici che hanno fatto.

Stephens Hannah

 

Mi chiamo Hannah Stephens e ho 17 anni. Ho frequentato la classe 4I del Liceo Scientifico “E.Fermi” di Bologna. Mi piace viaggiare, disegnare e uscire con i miei amici. Ho scelto questo progetto perché mi ha subito incuriosito e mi piace venire a contatto con culture diverse dalla mia. Dopo aver portato a termine questo progetto posso dire che non solo mi sono fatta nuovi amici, ma ho anche imparato molte cose nuove. 

Tassi Simone

Mi chiamo Simone e ho 16 anni. Ho frequentato la classe 3°N del Liceo Scientifico “E.Fermi” di Bologna. Sono appassionato di musica e mi piace  suonare la chitarra. Ho scelto questo progetto perché mi incuriosiva particolarmente e ora posso dire  che sono veramente contento di averlo fatto.

Trentin Beatrice

Mi chiamo Beatrice Trentin e ho 17anni. Ho frequentato la classe 3B del Liceo Scientifico “E. Fermi” di Bologna. Sono appassionato di cinema. Ho scelto questo progetto perché  mi ha interessato fin da subito per la possibilità unica di poter approfondire argomenti che normalmente a scuola non vengono trattati e per poter condividere la classe con delle persone che hanno vissuto una scuola diversa dalla nostra. Mi è interessato molto e ora posso dire  che mi è piaciuta molto come esperienza e l'ho apprezzata in particolar modo rispetto alle altre proposte di Alternanza Scuola Lavoro.


CON IL CONTRIBUTO DI

STORIAMEMORIA.EU OSPITA IL SITO DEL PROGETTO REALIZZATO DAL LICEO SCIENTIFICO “E. FERMI” DI BOLOGNA
STORIAMEMORIA.EU
LICEO SCIENTIFICO “E. FERMI”